Primo articolo del blog

Mi trovo qui per passione. Amo le tematiche del benessere, – sport, nutrizione, fashion – ed amo scrivere. Scatto foto, realizzo grafiche. Raccolgo i miei pensieri su un blog, invece che su un diario e li condivido con chi, come me, ama questo modo di socializzare. Leggere e scrivere è un po’ come parlare. Ci si scambia punti di vista e informazioni utili e si costruisce una conoscenza. Ci si sceglie sulla base delle assonanze. Ogni tanto torno a leggere quello che ho scritto e mi ricordo di quanta vita ho vissuto.

***

Il tempo è prezioso e tiranno. Le ore sono solo ventiquattro e quando dobbiamo decidere come gestire quelle poche che avanzano una volta finito di lavorare, la scelta è dura, perché la vita premia quegli stili di vita che dimostrano costanza nel perseguire obiettivi nel tempo, quindi nel compiere tutti i giorni quei piccoli gesti che, sommati tutti insieme nel tempo, fanno raggiungere evidenti e tangibili risultati. Si torna quindi alla divisione delle famose ventiquattro ore. 

Per avere un buon fisico, è necessaria una costante attività. Quanto spesso allenarsi? Quale allenamento scegliere? 

Per avere buone prestazioni lavorative è necessario tenersi aggiornati, essere sempre puntuali ed attenti. Quanto tempo dedicare alla formazione? Agli straordinari? Ad ascoltare un collega?

Anche la mente ha bisogno di nutrimento, di una buona informazione, attraverso la lettura di giornali e libri, attraverso validi programmi televisivi. Quindi altro tempo ed altre scelte: cosa leggere e quanto leggere tutti i giorni? Cosa guardare?

Infine c’è anche l’anima. L’anima ha bisogno tutti i giorni di buone relazioni con gli altri – la famiglia, i colleghi, le altre relazioni sociali -, buoni propositi, buone azioni, risultati raggiunti, di esprimersi in una passione (la pittura, la scrittura, la cucina, il fai-da-te, lo sport, la musica). A chi dedicare tempo? Quanto tempo? Un incontro con un amico, le attenzioni ai famigliari, a volte comprare un regalo di compleanno diventa quasi una mission impossible. A volte, perfino fare la spesa con calma, leggendo le etichette, può diventare impegnativo. Si torna sempre alle ventiquattro ore.

Come se tutto questo non fosse già abbastanza, con l’avanzata degli anni inizia a subentrare l’anzianità: le prestazioni calano naturalmente, le prime rughe si affacciano sul viso, si ha bisogno di dormire qualche ora in più, si è meno disponibili a fare pazzie. C’è chi risolve i problemi con la chirurgia estetica e c’è chi vuole provare la via naturale. Allora inizia anche l’esercizio dei muscoli del viso, che sono più di cinquanta, poco utilizzati. Facendo un calcolo di quanto tempo un individuo medio dovrebbe dedicare al giorno per la cura del corpo, si rimane un po’ interdetti. Mezz’ora di esercizi o yoga a tappetino per la schiena, la parte inferiore e superiore del corpo, mezz’ora di camminata o una ventina di minuti di corsa, dieci minuti di esercizi e massaggio del viso. Quando? Alzarsi un’ora prima al mattino sarebbe ideale, ma anche faticoso. Non tutti vivono da soli ed al mattino molti devono preparare la colazione alla famiglia. Non tutti possono o vogliono andare a correre sotto casa ed è necessario un abbonamento ad un centro sportivo.

C’è chi fa tutto insieme in un’ora e mezzo di palestra/nuoto per tre volte la settimana, approfittando anche della sauna e del percorso benessere. 

Ecco quindi che, a maggior ragione, trovare un’ora di tempo durante la giornata per il nostro corpo è davvero un atto di rispetto e amor proprio. Scegliere quali consigli ascoltare, quale attività fare, a quali esercizi affidare le aspettative sul nostro benessere diventa discriminante.


Leave a Reply