Proteine da semi, parmigiano, burro di arachidi

Nella mia eterna ricerca di abbinamenti gustosi e proteici, che permettano di mantenere una linea sportiva, stasera ho inventato un piatto sfizioso, un tortino di cereali proteici con qualche aroma.

Semi di quinoa, miglio e bulgur e semi di finocchio, tutti compattati in un tortino con burro di arachidi, melanzane alla piastra, avocado, scaglie di parmigiano e foglie di menta, condito solo con una spruzzata di limone. Tutto pronto in una ventina di minuti, di cui solo dieci per quinoa e bulgur, venti per il miglio.

Poco glutine, fibre e proteine da erbacee, cereali e legumi, dal parmigiano e burro di arachidi. Il tutto rinfrescato da semi di finocchio e menta, il massimo per favorire una buona digestione ed evitare gonfiore addominale, mentre vengono forniti energia e proteine per i muscoli. Il burro di arachidi dona un gusto pieno e dolce ai cereali frugali, che, insieme hanno una consistenza morbida. Inoltre, cosa che non guasta, quinoa, miglio e bulgur insieme sono un concentrato di salute per il cuore, per la pelle e l’apparato digerente. Il parmigiano da sempre si sposa bene con il limone e in questo caso anche con il cremosissimo avocado, la cui consistenza è unica.

Di un piatto come questo se ne può mangiare in quantità senza avere la sensazione di pesantezza. In particolare se ne può magiare a sazietà, perché una caratteristica di questi cereali è proprio quella di saziare abbastanza velocemente ed appagare i ricettori del gusto con la loro intensa frugalità.

Fisico asciutto, dunque, con gusto e sfizio. Tutte proteine digeribili insieme, una gioia per sportivi e vegetariani. Senza bulgur, risulta un piatto adatto anche a celiaci.

A parte non mi sono fatta mancare un cucchiaino di aceto balsamico. Ho uno di quelli artigianali prodotti in casa. L’aceto balsamico ha un gusto stratificato, fatto di retrogusti, serve prendersi il tempo di degustarlo. Ha un impatto calorico basso e con tutto il suo gusto evita l’utilizzo di olio ed altri condimenti.

Un piatto di cui mi sento soddisfatta, spero anche chi dovesse provarlo.


Leave a Reply